1° premio al concorso nazionale di poesia “Giovani senza confini”

giovani senza confini 2014_aAd Alpicella di Varazze lo scorso 21 luglio si è tenuta la premiazione della XIV edizione del Concorso nazionale di poesia “Giovani senza confini”. Il primo premio è stato conferito a Vera Palomo nella sezione adulti per la poesia “Tè al gelsomino”. Alla stessa poetessa è stato assegnato il 7° premio per la poesia “Luce”. Il concorso di quest’anno aveva per tema “Per fare tutto ci vuole un fiore”, e ha avuto una partecipazione di circa 200 elaborati totali che sono stati esaminati da una qualificata giuria di otto persone. Alla premiazione, avvenuta nella gremita chiesa parrocchiale di S. Antonio Abate, hanno partecipato il sindaco e molte autorità cittadine dell’Amministrazione, della scuola, della cultura e delle associazioni.

giovani senza confini 2014_b
Le dieci poesie finaliste sia della sezione adulti sia della sezione bambini/ragazzi sono state recitate dagli autori , intercalate da interventi di qualificati ospiti che si sono esibiti in vari generi (musicali, ginnastica, prosa), il tutto coordinato da una simpatica presentazione e da una attenta regia che hanno reso la cerimonia di premiazione davvero interessante e molto piacevole.

Il testo della poesia “Tè al gelsomino” sarà scritto su una piastrella in ceramica ed esposta, agli inizi di settembre, sul lungomare di Celle Ligure dove sono esposte permanentemente le poesie vincitrici del Concorso “Giovani senza confini”, organizzato dall’ Associazione culturale Alberto Peluffo di Varazze.

Giovanni Laviosa

Ecco il testo delle poesie premiate

Té al gelsomino

Vibrano i petali di seta e di fuoco

di un geranio rimasto solo

nell’angolo di un illeso davanzale,

mentre il vento trascina la polvere

e l’odore aspro della guerra.

Aspetta ambasciatori di pace

recanti vasi di glicine fiorito.

Allora le fanciulle intrecceranno

nastri con petali di crisantemo

e getteranno nell’aria arcobaleni,

le spose orneranno il capo col mirto

che nascose ai satiri Afrodite.

Con rami di rosmarino fiorito

I costruttori innalzeranno pareti

dove appendere quadri

con cornici di biancospino.

Quando le intrepide stelle gialle

del calicanto, ci trarranno fuori

dai gelidi giorni dell’inverno,

nei tramonti di rosa e papavero

siederemo ancora sulla terrazza:

l’odoroso tè al gelsomino

avrà il sapore della pace.

***

Luce

Bruciano nel camino il vecchio tarlato

tavolo, inutile e pieno di ferite.

Nelle fiamme che guizzano crepitando,

si inseguono volti, mani, cene festose,

risate, giochi di bambini, incontri.

Lingue di fuoco si abbracciano

come petali nelle corolle di seta,

si stringono nelle piccole gemme,

custodi della potenza creativa.

Oltre non c’è che mistero,

non ci sono più immagini

nello specchio di fuoco,

spenta anche l’ultima scintilla,

il camino ridiventa freddo,

nel grigio profondo silenzio,

resta il ricordo del fiore di luce.

Forse, mentre instancabile

s’affatica la ruota del tempo,

nulla svanisce del tutto:

domani qualcuno,sicuramente,

spargerà la cenere leggera

sotto il cespuglio delle rose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *